Parola

Il dialetto piacentino è la vera essenza della nostra lingua locale: essa ci arriva a noi dai nostri avi e continuerà con i nostri figli.

Tra gli innumerevoli termini ve ne sono alcuni a cui noi siamo particolarmente legati:

  • il pasgatt o pesce gatto è un pesce d’acqua dolce di straordinaria resistenza, in grado di sopravvivere in ambienti inquinati. In dialetto piacentino la parola pasgatt viene utilizzata per indicare una persona “torbida” ed è stata proprio questa quella che secondo i piacentini identifica meglio la nostra ironia ed legame indissolubile al fiume Po.
  • i pisarei non potevano non essere nominati. Essi rappresentano la nostra enogastronomia che tramite numerose eccellenze rimane nei palati e nei ricordi di molti turisti e visitatori
  • mòvat è l’intercalare più usato da tutti noi. Muoviti!
  • la bellezza del territorio piacentino è una costante per molto di noi. Le valli, i fiumi, le colline, i borghi storici.. chi più ne ha più ne metta!
  • la tradizione è il fil rouge che lega Piacenza al suo territorio.